DOP Valli Trapanesi

Cerasuola e Nocellara del Belice sono le due varietà di olivo fortemente rappresentative dell’olio extravergine di oliva DOP della provincia di Trapani ottenuto in 17 importanti località della Sicilia occidentale.

Il territorio in cui si estende la zona di produzione dell’olio extravergine di oliva DOP Valli Trapanesi interessa 17 suggestive e in molti casi storiche località della provincia di Trapani: Alcamo, Buseto Palizzolo, Calatafimi, Castellamare del Golfo, Custonaci, Erice, Gibellina, Marsala, Mazara del Vallo, Paceco, Petrosino, Poggioreale, Salemi, San Vito lo Capo, Trapani, Valderice e Vita.

Le olive utilizzate per produrre l’olio DOP Valli Trapanesi appartengono alle varietà autoctone Cerasuola e Nocellara del Belice, che devono essere presenti negli oliveti, da sole o assieme, in misura non inferiore all’80%. Possono quindi concorrere anche altre varietà locali, purché presenti in misura inferiore al 20%. Il territorio in cui si estende la zona di produzione dell'olio extravergine di oliva DOP Valli Trapanesi interessa la provincia di Trapani.

Caratteristiche sensoriali

Colore: 
green with possible yellow-gold reflections

Odore: 
distinctly of olive, with possible grassy tones

Sapore: 
fruity with a suggestion of spice and bitterness

Curiosità

Attorno al XV secolo d.C., nella zona del Trapanese si registrò un incremento della produzione dell'olio di oliva in seguito a una forte migrazione di Ebrei verso Trapani che aumentò il fabbisogno dell'olio, data l'importanza del derivato nelle celebrazioni religiose, ma anche per la stessa cucina ebraica.

In quel periodo influenzarono pure la crescita della produzione olearia l'impiego dei frantoi sia per le olive che per la molitura della canna da zucchero e per torchiare l'uva.