DOP Riviera Ligure

Tre sono le zone in cui è suddivisa l’area di produzione dell’olio DOP della Liguria e altrettante sono le tipologie contrassegnate dalle menzioni geografi che aggiuntive: «Riviera dei Fiori», «Riviera del Ponente Savonese» e «Riviera di Levante».

L’olio extravergine di oliva DOP Riviera Ligure è ottenuto in un’area dove di frequente gli oliveti si arrampicano su pendii molto spesso impervi ed è il frutto del paziente lavoro di valorosi agricoltori. In funzione delle condizioni ambientali e di coltivazione, il territorio di produzione dell’olio Riviera Ligure è diviso in tre sottozone, alle quali corrispondono altrettanti oli: «Riviera dei Fiori», ottenuto nella provincia di Imperia, «Riviera del Ponente Savonese», prodotto in quella di Savona, e il «Riviera di Levante», derivato da olive provenienti dagli oliveti che ricadono nelle province di Genova e La Spezia.

Dalle tre sottozone di produzione derivano oli abbastanza differenti che sono le anime espressive di questo extravergine di oliva la cui eleganza è in gran parte da attribuire a una delle varietà di olive più utilizzate in Liguria, la Taggiasca, oltre naturalmente alle condizioni pedo-ambientali dei rispettivi territori e ai sistemi produttivi adottati da olivicoltori e trasformatori. Nell’olio «Riviera dei Fiori» la varietà Taggiasca deve essere presente per almeno il 90%; il «Riviera del Ponente Savonese» si ottiene sempre a partire da olive di varietà Taggiasca, ma presenti in percentuale inferiore, fino al 50%. Infine il «Riviera di Levante» deriva da olive di Lavagnina, Razzola, Pignola e della popolazione locale riconducibile a Frantoio per almeno il 55%. Nella restante percentuale può naturalmente rientrare la Taggiasca. La varietà di oliva predominante nella DOP Riviera Ligure è la Taggiasca.

Caratteristiche sensoriali

Colore: 
from yellow to yellow-green

Odore: 
slight or medium fruity intensity

Sapore: 
fruity with a decided sweet sensation, possibly light notes of spice and/or a barely perceptible hint of bitterness

Curiosità

Gli agricoltori sono i "paladini" del territorio che grazie alla loro operosità riescono a coltivare l'olivo in condizioni ardue ed estreme.Dove vegetano gli olivi, è assicurata la buona tenuta dei suoli e non vi è pericolo di frane. Nell'olio ligure vi è perciò, oltre all'impronta del territorio, il tocco di persone che scelgono di lavorare i campi e nel contempo di salvaguardare il territorio e il paesaggio della loro Liguria.www.oliorivieraligure.it